Centro della colonna vertebrale

Le algie vertebrali come le cervicalgie e le lombalgie sono sindromi dolorose della colonna vertebrale di origine muscolo-scheletrica. Queste sindromi sono molto frequenti, affliggono circa il 65-80% della popolazione mondiale e sono di enorme rilevanza sociale per il grande impatto economico che determinano. E’ la più frequente causa di assenza dal lavoro: in Italia ogni anno 4 milioni di persone si rivolgono al medico per problemi correlati al mal di schiena. 

QUAL’E’ LA LORO ORIGINE?  

Lombalgie e cervicalgie possono avere varia origine: 

  • Traumatiche, causate da sforzi eccessivi o cadute che provochino distorsioni o contusioni; 
  • Traumi da incidenti stradali 
  • Traumi sportivi 
  • Muscolo-scheletriche (ad esempio una discopatia) 
  • Patologie viscerali,addominali o pelviche possono rivelarsi attraverso dolori lombari 
  • Patologie cronico degenerative(ad esempio l’artrosi della colonna vertebrale) 
  • Posture lavorative errate 
  • Gravidanza 

QUALI POSSONO ESSERE I SINTOMI DI UNA CERVICALGIA?  

  • Mal di testa 
  • Nausea e vomito 
  • Capogiri 
  • Disturbi visivi 
  • Mal di collo e spalle 
  • Dolore irradiato agli arti superiori con eventuale alterazione della sensibilità e diminuzione della forza 
  • Rigidità articolare

QUALI POSSONO ESSERE I SINTOMI DI UNA LOMBALGIA?  

  • Dolore lombare 
  • Dolore sciatalgico 
  • Dolore irradiato agli arti inferiori con eventuale alterazione della sensibilità e diminuzione della forza 
  • Rigidità articolare di schiena e arti inferiori 
  • Difficoltà nei movimenti 
  • Disturbi intestinali 
  • Disturbi uro-genitali 

IL NOSTRO PERCORSO TERAPEUTICO 

  • VALUTAZIONE FUNZIONALE INIZIALE 

Il fisioterapista effettua una valutazione attraverso: 

    • Generalità del paziente 
    • Analisi dei sintomi (intensità e zona del dolore, quando e da quanto sono presenti) 
    • Valutazione dell’articolarità 
    • Valutazione del tono e del trofismo muscolare  
    • Confronto della valutazione fisioterapica con eventuali referti medico specialistici 
    • Valutazione di eventuali esami diagnostici (RX e RMN)
    • Definizione degli obiettivi del trattamento 
  •  CONTROLLO DEL DOLORE E DELL’INFIAMMAZIONE
    • Attraverso l’utilizzo di protocolli terapeutici con elettromedicali ad alta specializzazione (laser ad alta potenza, tecarterapia e campi elettromagnetici ultradeboli) 
    • Idrokinesiterapia 
    • Osteopatia 
    • Piani nutrizionistici: in presenza di sovrappeso/obesità o di disturbi metabolici, sono previsti incontri con la nostra nutrizionista per stilare un piano terapeutico alimentare personalizzato e corretto, mirato anche alla diminuzione dell’infiammazione. 
  • RECUPERO DELL’ARTICOLARITA’ E DEL MOVIMENTO
    • Idrokinesiterapia 
    • Fisioterapia individuale 
    • Massaggi decontratturanti 
  • MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE MOTORIE E STABILIZZAZIONE DEI SINTOMI 
    • Fisioterapia a piccoli gruppi
  • VALUTAZIONE FUNZIONALE FINALE 
    • Contestualmente alla stabilizzazione dei sintomi, vengono comparati i dati della valutazione iniziale con quelli della valutazione finale per analizzare l’efficacia del trattamento.  
    • Consegne di esercizi da eseguire a domicilio 
    • Vengono dati consigli e insegnate strategie utili per la gestione della vita quotidiana e lavorativa 

QUALI FIGURE PROFESSIONALI SI OCCUPANO DI QUESTA PATOLOGIA? 

  • FISIOTERAPISTA (Dott.ssa Elisa Gatti, Dott.ssa Silvia Ronchetti) 
  • OSTEOPATA (Dott.ssa Martina Nardon) 
  • NUTRIZIONISTA (Dott.ssa Serena Ravasini) 
Apri la chat
Hai bisogno di aiuto?
Ciao come possiamo aiutarti?